Altri libertini
 

(1980)

╚ il libro d'esordio di Pier Vittorio Tondelli e si compone di sei racconti, anche se l'autore ha preferito la definizione di "romanzo a episodi". Ciascun racconto, pur costituendo una unitÓ a sÚ, trova il suo compimento in una unitarietÓ che ha "come filo comune l'esperienza dei giovani degli anni Settanta fra viaggi a Amsterdam e Londra, droga, lotte studentesche, ricerca della propria identitÓ, utopie di libertÓ". Relativamente alle letture che hanno influenzato le genesi di questi testi lo scrittore ha affermato:

Penso sia un libro che appartiene alla cosiddetta letteratura 'emotiva' che si basa soprattutto sulla lettura di CÚline, del primo Arbasino, di Baldwin e di tutta la letteratura dura e violenta: da William Burroughs a Richard Price e anche uno Selby, diciamo una specie di narrativa drammatica che si basa molto sull'azione, sull'intrigo, sul personaggio, quindi un libro tutto raccontabile che si pu˛ riassumere a voce e che nella voce trova una sua dimensione di scrittura.

Altri libertini, pubblicato da Feltrinelli nel 1980, viene sequestrato dalle autoritÓ giudiziarie per il reato di oscenitÓ venti giorni dopo la sua comparsa in libreria, quando era giÓ stata preparata la terza edizione. Il processo viene celebrato a Mondový (Cuneo) nel 1981 e manda assolti con formula piena l'imputato e l'editore.
Lo scrittore, negli ultimi mesi di vita, ha approntato una revisione parziale del testo tesa a evidenziare errori e a modificare situazioni linguistiche all'interno dei racconti.
La traduzione francese, col titolo Les Nouveaux Libertins, viene pubblicata da Seuil nel 1987; quella tedesca, col titolo Andere Freiheiten, Ŕ edita da Rowohlt nel 1990.





Sei qui: HOME | > pier vittorio tondelli > libri e progetti
 
Punto
Martedý 16 dicembre "Homicide House" all'Asioli
Punto
Giovedý 18 dicembre al Teatro Asioli Frankie Magellano canta Pier Vittorio Tondelli


>> ARCHIVIO NEWS DAL 2002

>> ARCHIVIO NEWS 1998 - 2002